Categorie

Metodo per l'Armonica a Mantice di Don Giuseppe Greggiati - Volume 2

Metodo per l'Armonica a Mantice di Don Giuseppe Greggiati - Volume 2
Giuseppe Greggiati Pezzi musicali di vario genere per fisarmonica dal Metodo per Armonica a Mantice coi semituoni   Parte Terza (1842) A cura di Attilio Amitrano Per una storia della fisarmonica - volume 2°

Maggiori dettagli

25,00 €

3 articoli disponibili

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

Acquista

Dopo la pubblicazione nell’ottobre 2012 della Prima e Seconda Parte del Metodo per l’Armonica a Mantice di Don Giuseppe Greggiati insieme all’annessa straordinaria e inedita messe documentaria, viene ora pubblicata l’integrale della Parte Terza del Metodo, il compendio musicale predisposto dall’autore a supporto tecnico-artistico del discente. Un catalogo musicale ‘scelto’ che abbraccia un ampio ventaglio di forme disponibili, sintesi antologica ad uso didattico della sua ciclopica produ­zione musicale: dunque Polacche, Marce, Walzer, Galoppe, Rondò, Cantabili, Adagi, Arie d’opera, Temi e variazioni, Allegri, Allegretti, Andanti, Andantini, Pastorali; la più antica e completa programmazione di­dattica che sia mai stata scritta da un singolo autore, la più ampia raccolta mu­sicale che la sto­ria ottocentesca della fisarmonica co­no­sca.

Ricco di con­notazioni culturali e formidabile trait d’union tra antico e moderno, il complesso del repertorio di Greggiati – ceppo mantovano del proto-fisarmonicismo italiano, ormai imprescindibile per appassionati e stu­diosi – se da un lato è inequivocabilmente utile alla ricostruzione del sottile filo storico apparentemente smarrito di un certo primi­gènio re­pertorio, è anche – a dispetto delle antiche e stringenti limitazioni organo­logiche – una nuova formidabile fonte mu­sicale d’immediata godibilità e fruibilità esecutiva per ogni tipo­logia moderna di armonica o fisarmo­nica.

Refratta­ria ad ogni radicalismo interpre­ta­tivo, metodologicamente severa ma rigorosamente libera, questa edizione è dunque aperta ad un’ampia connotazione stru­men­tale, in auspicio, stimolo attitudinale anche di un diretto e consape­vole coinvolgimento super partes dell’esecutore. Una rivisi­tazione moderna per una generica fruizione musicale, fondata però sulla piena e con­sapevole acquisizione degli aspetti me­todologici e sulla completa elaborazione degli elementi semiotici costitutivi del suo linguaggio, qui posti in premessa nell’ampia, preziosa e inscindibile analisi introduttiva.

 

Attilio Amitrano è diplomato in Fisarmonica presso il Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto e in Musica Corale e Direzione di Coro al Conservatorio A. Bonporti di Trento dove ha superato il compimento medio di Composizione. È laureato con lode in Discipline delle Arti Musica e Spettacolo (D.A.M.S.) con Nino Albarosa e Alberto Gallo con una tesi in Paleografia Musicale sui Libri Corali della Chiesa Cattedrale di Trento, ed è laureato con lode in Fisarmonica al Conservatorio L. Campiani di Mantova con il M° Corrado Rojac.

Insegna fisarmonica alla Scuola Musicale C. Moser di Pergine Valsugana (TN)